Giornata della Memoria 27 gennaio

Pubblicato: 25 gennaio 2012 in condivisione, noi pensiamo, storia, we care
Tag:, , ,

Cos’è un lager?
E’ una cosa nata in tempi tristi, dove dopo passano i turisti,
occhi increduli agli orrori visti… “non gettar la pelle del salame!”…
Cos’è un lager?
E’ una cosa come un monumento e il ricordo assieme agli anni è spento,
non ce n’è mai stati, solo in quel momento, l’ uomo in fondo è buono, meno il nazi infame!
Ma ce n’è, ma c’è chi li ha veduti o son balle di sopravvissuti?
Illegali i testimoni muti, non si facciano nemmen parlare!
Cos’è un lager?

Sono mille e mille occhiaie vuote, sono mani magre abbarbicate ai fili,
son baracche, uffici, orari, timbri e ruote, son routine e risa dietro a dei fucili,
sono la paura, l’ unica emozione, sono angoscia d’ anni dove il niente è tutto,
sono una pazzia ed un’ allucinazione che la nostra noia sembra quasi un rutto,
sono il lato buio della nostra mente, sono un qualche cosa da dimenticare,
sono eternità di risa di demente, sono un manifesto che si può firmare…

E un lager, cos’è un lager?
Il fenomeno ci fu. E’ finito! Li commemoriamo, il resto è un mito!
l’hanno confermato ieri giù al partito, chi lo afferma è un qualunquista cane!
Cos’è un lager?
E’ una cosa sporca, cosa dei padroni, cosa vergognosa di certe nazioni,
noi ammazziamo solo per motivi buoni… quando sono buoni? Sta a noi giudicare!
Cos’è un lager?
E’ una fede certa e salverà la gente, l’ utopia che un giorno si farà presente
millenaria idea, gran purga d’ occidente, chi si oppone è un giuda e lo dovrai schiacciare!
Cos’è un lager?

Son recinti e stalli di animali strani, gambe che per anni fan gli stessi passi,
esseri diversi, scarsamente umani, cosa fra le cose, l’ erba, i mitra, i sassi,
ironia per quella che chiamiam ragione, sbagli ammessi solo sempre troppo dopo,
prima sventolanti giustificazioni, una causa santa, un luminoso scopo,
sono la furiosa prassi del terrore sempre per qualcosa, sempre per la pace,
sono un posto in cui spesso la gente muore, sono un posto in cui, peggio, la gente nasce…

E un lager…
E’ una cosa stata, cosa che sarà, può essere in un ghetto, fabbrica, città,
contro queste cose o chi non lo vorrà, contro chi va contro o le difenderà,
prima per chi perde e poi chi vincerà, uno ne finisce ed uno sorgerà
sempre per il bene dell’umanità, chi fra voi kapò, chi vittima sarà
in un lager?

Annunci
commenti
  1. bimbisvegli ha detto:

    una puntata dei simpson che tratta di deportazione, integrazione, razzismo….
    (titolo: tanto apu per niente)
    http://eatmypost.wordpress.com/tag/tanto-apu-per-niente/
    https://i1.wp.com/www.simpsongt.it/files/images/utenti/usr-1/Tanto%20Apu%20per%20niente.jpg

  2. TOPO MUSCHIATO ha detto:

    Voglio parlare un po’ dei lager volevo dire che un lager non è solo quando ti cremano ma è anche quando non puoi esprimere la tua opinione o quando tu sei solo uno scarto o senno quando non ti rimane più niente di tuo e questo è proprio come quegli schifi dei lager ed è proprio li che hai paura di essere te stesso e se la osavi avere il coraggio di essere te stesso ti prendevano e ti cremavano o ti fucilavano oppure ti mandavano a fare una bella doccia.
    Ora arrivo al succo i nazisti di un tempo la maggirparte eseguivano gli ordini e magari non sapevano neanche che i loro “compagni” uccidevano gli delle altre persone solo i più convinti sapevano quasi già fare tutto ma secondo me se anche i nazisti si sarebbero ribellati rimaneva soltanto più il capo che li si doveva arrendere contro tutte quelle persone che si facevano automaticamente anche loro ebree o nere o tutte le altre “razze” che a quei tempi erano “inferiori”.
    Ecco questo è tutto ciò che volevo dire e comunque che infinite schifezze!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  3. PINCKY ha detto:

    Il lager è una cosa nata nella povertà ,dove a chi era considerato inferiore, toglievano la libertà.
    Qualcuno pensa che quegli orrori ci sono stati solo in quel momento….
    In fondo l’uomo è buono….
    Ma che ironia
    Il lagher sono occhi vuoti dalla paura perchè essa soffoca tutte le altre emozioni ,sono mani abarbicate ai fili che dicono basta questo massacro !!.
    I fili elettrici sembravano recinti per (animali strani)… tanti uomini donne e bambini
    Ormai la paura per loro era diventata l’unica emozione.
    è la cosa piu brutta che abbiamo fatto ,che non possiamo dimenticare.
    Una persona demente è una che firma un contratto razzista .

    Il lager è finito ma ci potrà essere ancora : una cosa comandata ed illegale o disumana.
    si diceva che fosse la migliore delle cose : serviva a rinchiudere la razza inferiore .
    Questi posti furono conosciuti troppo tardi dopo che ormai erano state sterminate milioni di persone
    prima gli aguzzini erano sempre giustificati e dicevano che era una causa santa .
    era un posto dove la gente moriva e peggio nasceva per vivere nel terrore .
    Il lager è una cosa che potrà nascere in qualunque tempo e momento . e c’è chi gli andrà contro e difenderà, anche chi perderà o vincerà
    uno ne viene distrutto e un altro viene costruito come i fili elettrici e con i fucili o solo nella mente delle persone che penseranno che questo possa essere per il bene dell’ umanità come dicevano i nazisti

    QUESTO è UN LAGER

    autori:Mattia,Mathias,Pincky

  4. sofia, gaia, alessia ha detto:

    POESIA : lager

    Erano cose molto tristi
    ma adesso si passano i turisti,

    quanti orrori visti…

    Cos’è per noi un lager?

    guardando i film dei nazisti
    mi vengono in mente i terroristi.

    Non sprecare le cose che hai
    e questo tu lo sai,

    tanti poveri non hai visto
    che la fame patiscono,

    oggi i lager esistono ancora
    quando il papà non lavora,

    è un triste momento
    ma adesso il ricordo è spento:

    l’uomo in fondo è buono
    ma certi non lo sono.

    Cos’è per noi un lager?

    Sono mille e mille occhiaie vuote
    che da veder non han più niente

    sono mani magre aggrappate ai fili
    che cercan il momento di stapparli

    ma questo momento non lo troverranno
    perchè forza non ne hanno,

    risa dietro a dei fucili
    e i soldati così cattivi
    che uccidevano i bambini.

    Cos’è per noi un lager?

    sono la paura l’unica emozione
    che se tu la pensi esce confusione

    sono il lato buio della mente
    che neanche più sente.

    L’uomo nel mondo non dovrebbe farlo più
    perchè il nostro obbiettivo cadrebbe giù,

    tutto quello che sento
    mi sembra un tormento.

    Questa poesia la dedichiamo a tutti quelli che non sono sopravvissuti ai campi di concentramento

    ciao a tutti:

    Sofia,Gaia,Alessia

  5. ALEX,PETRU,MAREVENTO & FRANCESCA ha detto:

    Cos’è un lager

    Un lager è una tomba buia senza cibo,nè acqua,nè aria dove si muore senza distinzione di età.
    Un lager è una risata malefica delle persone che si credono più furbe degli altri.
    è un luogo dove viene rinchiusa della gente costretta a fare lavori forzati, povere persone fra occhiaie e puzza di corpi bruciati senza scrupoli. Secondo voi questa è umanità?
    Un lager è come un diavolo in tempesta, una belva scatenata, una famiglia strappata, un bambino che piange, una mamma che deve scegliere quale figlio tenere in vita, un burrone e se ci cadi dentro non ne puoi più uscire, un bambino trasformato in un soldato invece di stare a giocare con i suoi amici.

  6. la principessa di fatalandia, fiore, TOPO MUSCHIATO,cesca ha detto:

    PER NOI UN LAGHER E’……..

    Un lagher è una cosa schifosa,
    come la vita di una sposa
    quando trattata come una cosa.
    Sono mille e mille bocche che dicono basta
    all’ingiustizia vasta.
    E’ un lagher quando non si considera l’altro
    come quando non gli vai in contro.
    In un lagher le persone vengono trattate
    come animali, anzi, peggio:
    come un aggeggio.
    E’ un lagher quando una persona muore per un sì o per un no
    e per gli altri non è nulla.

  7. holly, dolly, pinky & maddy ha detto:

    Un lager è
    una prigione di innocenti
    ridotti in polvere nei venti
    privati della loro personalità
    e di essere in libertà.

    Come uccellini in gabbia
    rapiti dalla rabbia….

    Un lager non è
    solo filo spinato e
    lavoro forzato.

    Ieri come oggi
    si possono ancora trovare
    lager nel mondo da visitare.

    Sfuttamento dei bambini
    dai più grandi ai piccini,
    obbligati a lavorare
    senza mai riposare.

    Giovani ragazze
    costrette a sposare
    chi
    in futuro non vorranno amare.

    La paura è l’unica emozione
    che scorre nel sangue delle persone
    imprigionate in quel lager maledetto
    dopo aver abbandonato il proprio ghetto.

    Devi dare il tuo contributo
    per far sì che il mondo sia pulito.

    Un lager son vite sprecate
    e meravigliose umanità dimenticate.

    Per questo spero che
    sia sempre rispettata la vita affinchè
    la speranza non sia mai tradita.

  8. TOMMY ha detto:

    Buongiorno siamo TOMMY Fede e Fabio, vogliamo condividere questa nostra riflessione in versi sui campi di concentramento, nata dall’ascolto della canzone “Lagher”, di Francesco Guccini:

    COS’ E’ UN LAGER?
    SON COSE TRISTI DOVE POI PASSANO ANCHE I TURISTI
    E NON CREDONO A CIO’ CHE VEDONO
    COS’ E’ UN LAGER?
    E’ UN MONUMENTO DIMENTICATO, PEGGIO DI QUESTO NON C E’ NE’ MAI STATO
    L’ UOMO SAREBBE BUONO: NON SE DICE “RAZZISTA SONO!!!”
    ESISTE CHI NE’ HA VISTO UNO, MA DI LORO NON FAN PARLAR NESSUNO
    COS’ E’ UN LAGER
    LI’ C’E’ CHI HA PERSO LA SPERANZA DI USCIRE E LA POSSIBILITA’ DI POTERLO DIRE
    SON VANI TENTATIVI DI SCAPPARE DA DOVE NON TI FANNO NEMMENO PARLARE
    COS’ E’ UN LAGER
    E’ UN LUOGO DOVE OGNI MALE HA PRESO IL POSTO A CIO’ CHE E’ NORMALE
    I SOLDATI NON SI DEVONO VANTARE SE IL LORO FUCILE PUO’ TUONARE
    QUA DOVE NIENTE E’ TUTTO MA SONO ANCHE DOVE C’E’ QUALCOSA DI BRUTTO
    E UN LAGER COS’ E’ UN LAGER
    TUTTO QUESTO E’ STATO LO COMMEMORIAMO MA CE LO SIAM DIMENTICATO
    E’ UN LUOGO DOVE CHI CI STA RIASSAPORERA’ MAI PIU’ LA LIBERTA’
    COS’ E’ UN LAGER
    CHI QUALCUNO UCCIDE E SOTTO SOTTO RIDE:
    “QUANDO NOI AMMAZZIAMO PER IL BENE LO FACCIAMO
    COS’ E’ UN LAGER
    SE NON SEI D’ ACCORDO CI FINIRAI DENTRO E SE NON ESCI TI DARO’ IL TORMENTO
    COS’ E’ UN LAGER
    CHI E’ LI DENTRO E’ TRATTATO COME DIVERSO MA NON SE SI GUARDA DA UN ALTRO VERSO
    SE MUORI LI’ SEI SFORTUNATO SE NASCI LI CONSIDERATI MITRAGLIATO
    COS’ E’UN LAGER
    UNA COSA COSI’ E’ GIA’ STATA MA DOMANI SARA’ RITORNATA
    PUO’ ESSERE IN PRIGIONE MA ANCHE IN UN ALTRA NAZIONE
    STA A NOI PRENDERE POSIZIONE

    IL RAZZISMO E’ CIECO COME IL DESTINO BRUCIA TUTTO ANCHE UN BAMBINO

  9. bimbisvegli ha detto:

    http://digilander.libero.it/francescocoluccio/sommari/pagdisegniframe.htm
    un sito molto interessante ed utile per capire cosa provavano le persone deportate: dipinti , disegni ed immagini di sopravvissuti ai lagher e dei bambini deportati… i disegni che facevano quando riuscivano ad avere tempo per svagarsi e carta e colori.
    il merlo nero in altro sorridente… ma in agguato, rappresenta un pericolo incombente per le belle farfalle colorate ed la formichina…
    chissà a cosa pensava Ilona 12 anni prigioniera a Terezin quando ha fatto questo disegno?

  10. Tommy ha detto:

    In questo terribile giorno si ricorda l’ orrore del regine nazista e fascista
    UNA VERA CA…..VOLATA

  11. Petru ha detto:

    Io appoggio tutti quelli che sono contro il razzismo eil nazifascismo, perchè, io penso che tutti noi siamo uguali e NON E’ VERO quello che dicevano Hitler e Mussolini che esistono diverse razze umane !
    NON é VERO !!!!!!!!!!!!!!!!

  12. Sara 8 ANNI ha detto:

    ci chiamiamo Sara e Nicolas, e diciamo che non ci piace questa cosa assolutamente .
    Facciamo la scuola “Rio Crosio ” 3 b .
    Gli stranieri sono qui perchè vogliono conoscere posti diversi e scappano dalla povertà o dalle guerre.
    Per favore non fate più guerre .

  13. elly ed meo ha detto:

    il 27 gennaio 2012 il maestro ci ha fatto fare un’esperienza. Ha letto una lettera in cui c’era scritto che tutti i bambini o i parenti non nati ad Asti dovevano andare via nei loro paesi.Noi ci siamo rimasti male.Poi ci ha divisi in classe, di veri astigiani ne sarebbero rimasti quattro.
    A quel punto ha detto che era un’esperienza per ri vivere quello che i piccoli bambini ebrei avevano vissuto nelle scuole italiane , quando le leggi fasciste e razziste li hanno espulsi dalla scuola;poi ne abbiamo parlato molto, capendo tutto e non ci e sembrato giusto.
    Pensa se capitava a te?

  14. Flipper 9 anni ha detto:

    Siamo contro i razzisti

    Siamo contro i razzisti ,perchè nel 1938 hanno fatto una legge che chi non era italiano ma ebreo veniva cacciato dalla sua casa e portato nel campo di concentramento ,dove qualche mese dopo moriva per malattia ,fame,o camera ha gas.il maestro ci ha raccontato tutte queste cose.poi ci ha divisi in gruppi di Asti e gruppi non di Asti.Soltanto 4 bambini eranodi Asti,tutti gli altri erano di,Serbia,Torino,Alessandria,Londra.

    Se eravamo nel 1938 quei bambini andavano nel campo di concentramento di Hitler. I razzisti sono persone cattive e il loro capo lo è ancora di piu.
    le persone buone possono diventare cattive per colpa loro. Ecco perchè siamo contro il capo e i razzisti.

  15. Flavi ha detto:

    NOI SIAMO CONTRO I RAZZISTI

    Noi bambini della 3° b siamo contro Mussolini e ai razzisti, Mussolini diceva che gli ebrei rubano ma noi gli diremmo “Gli ebrei se rubano è perchè tu non li fai entrare nei negozi!”
    Non è giusto che portiate i bambini e gli adulti che sono stranieri e non hanno documenti nei campi di concentramento.
    Noi della 3B speriamo che non succeda più!

    chicca

    lulù
    $$$$ raggio $$$$

  16. Ari 8 anni ha detto:

    Questo che è successo il 28 gennaio di 80 anni fa non e molto bello, anzi bruttissimo! Come nel film di Anna Franch che gli ebrei sono andati nel campo di concento diTerezin.
    Hanno uccisi i bambini innocenti nella doccia a gas, sono veramente cattivi!!!!!!! Non mi piace, poveri bambini forse alcuni si sono salvati, ma perchè hanno ucciso gli innocenti?
    Io vorrei una risposta.
    Non mi piace
    ARI

  17. Davi e Nic 8 anni ha detto:

    Lettera per Mussolini
    Secondo te ,é bello se imprigioniamo degli ebrei , che sono innocenti ?
    per me no,non è una bella legge ,è crudele rinchiudere dei bambini e trattarli male.
    Perchè chi non riesce a lavorare più voi li fate andare a fare una doccia, ma a gas.
    e allora perchè alle 4 di mattina li facevate lavorare?

    E allora non succeda mai piu!

  18. SCHARON 8 ANNI ha detto:

    Voi Nazisti , non dovete uccidere dei bambini innocenti .
    Addirittura i bambini appena nati, ma voi vi rendete conto di cosa fate?
    forse no!!!
    Siete crudeli , perchè uccidere dei bambini disabili e tutti gli altri
    La loro vita non è ancora iniziata e voi la sacrificate.

    CATTIVI !!! .

  19. lorenzo e valentino ha detto:

    ATTENZIONE
    LETTERA PER MUSSOLINI
    Secondo la classe 3 B LA LEGGE CHE AVETE SCRITTO NEL 1938 NON è giusta perchè siamo tutti uguali.
    Quindi era meglio se non la scrivevate.
    Nessuno ebreo doveva andare in un campo di concentramento perchè i bambini non devono essere schiavi e nemmeno i genitori.
    Ma è vero che ammazzavate i bambini e i genitori nelle camere a gas?
    E’ anche vero che facevate spaccare loro la pietra?

    Lorenzo e valentino

  20. Flavi ha detto:

    PRESIDENTE:Mussolini. Flavia 3B scuola Rio Crosio .
    Presidente a me non mi piace questa cosa. Gli stranieri vengono perchè sono in pericolo,
    e hanno dei bambini piccoli.
    Per favore non AMMAZZATE PIU’,PIU’…………
    SI FELICITA’ SI AMORE
    SI PACE NON ODIO

    NON GUERRA
    FLAVIA

  21. simo ha detto:

    gli stranieri,vanno salvati !

    Sono Simona e credo che gli stranieri non vanno cacciati ma vanno incoraggiati.
    Per esempio Alena Sinkova è una dei pochi salvati.Quando qualcuno litiga ci sono delle persone che fanno guerra,ma quelle persone ancora non sanno che con la guerra non si risolve niente.
    Si risolve solo con la pace!

  22. Ale ha detto:

    Oggi ho scritto questo per tutti e non per me,ma ecco quello che ho scritto :quando uccidevano gli ebrei nel campo di concentramento di Terezin era proprio crudele e vorrei che non succedesse mai più e spero anche che altri bambini siano daccordo con me .
    Ale

  23. nicolò. ha detto:

    Lettera per mussolini
    secondo la classe 3°b la legge del 1938 che gli ebrei sono da mandar via non è giusta.
    Noi non vogliamo che si ripeta perchè altrimenti il genere umano soffrirebbe

  24. Martina ha detto:

    Lettera di Martina al Pres. Cav. Grand. Uff. Benito Mussolini

    Caro Presidente io non sono d’accordo a mandare i bambini e i genitori indietro nel posto in cui sono nati.
    Adesso sono qui e stiamo tutti bene insieme.
    Io direi di lasciare le cose come stanno e non deportare nessuno
    NON SONO DACCORDO

    Martina (8 anni)

  25. Simona ha detto:

    Tanto tempo fa gli Ebrei, ed ancora oggi persone di altre nazioni, venivano portati nei campi di concentramento dove venivano picchiati.
    GLI STRANIERI VANNO SALVATI!

  26. Eleonora ha detto:

    Una legge sbagliata (contro gli stranieri)

    il nostro maestro Giampiero ha letto in classe una legge di tanti anni fa , che se invece era di oggi, a noi bambini ci ha fatto venire le lacrime.

    NON VA BENE! CHI E’ ITALIANO E’ UGUALE A CHI NON E’ ITALIANO E NON DEVE ESSERE UCCISO!
    Oggi il nostro compagno Lorenzo ha strappato quella legge.
    E’ GIUSTO!

  27. cordialdo ha detto:

    Bravi, ragazzi, e bravi anche i vostri maestri che vi stanno insegnando ad essere cittadini liberi, democratici e responsabili. Ciao

  28. sofia ha detto:

    ieri (27 gennaio 2012) come molti di voi sanno si è “ripensato” alla Giornata della Memoria ,come voi sapete in questo giorno ricordiamo i campi di concentramento e i maltrattamenti che molti anni fa subirono gli ebrei dai tedeschi , perchè pensavano che gli ebrei fossero inferiori e che invadessero il loro territorio, mentre erano persone come altre e che si interessavano molto alla cultura e che erano molto intelligenti; ma questo giorno si ricorda perchè finalmente i tedeschi furono costretti a liberare gli ebrei per l’arrivo degli americani inglesi e russi, che erano andati a salvarli dopo cinque o sei anni di guerra circa.

    In base a questo argomento ieri con la mia classe (5 C) abbiamo visto un pezzo del noto film: “IL BAMBINO COL PIGIAMA A RIGHE” (che è ispirato da una storia vera) .
    Ma il bello di questo film e che non è un film come tutti gli altri dove fa vedere una persona che ha vissuto molto male i campi di concentramento , questa volta è una storia diversa perchè spiega che la guerra porta solo sofferenza,come in questo caso il protagonista del film un piccolo bambino convinto a credere che quel campo di concentramento sia una fattoria e che quando si accorge che era solo una grande bugia e che era solo un posto di maltrattamento dove facevano lavorare tanto gli ebrei e li ammazzavano ci rimase molto male; e pensare che aveva fatto amicizia con un bambino del ” campo”.

    Io credo che i tedeschi si siano comportati molto male nei confronti degli ebrei e spero che non succeda mai più.

    Io voglio consigliare due film per chi non gli avesse mai visti : il bambino col pigiama a righe e lo schiavo ungherese ( un altro film che ho visto io )

    ciao a tutti : sofia

  29. maestro Giampiero ha detto:

    Maestri, ma  se le leggi razziali e l’ordine  alla scuola di isolare e espellere tutti i bambini e gli insegnanti non “ariani” fosse arrivato a voi… cosa avreste fatto?
     
    La risposta sorprendente a questa domanda di Alberto, arriva questa volta dai “piccoli” della 3 B… 
    Anche  loro, quest’anno hanno sperimentato l’esperienza di sentirsi stranieri e di doversi separare dai propri compagni perchè una legge dello stato lo impone.
     
    Ciclicamente, solitamente quando i bambini fanno terza elementare, il 27 gennaio, Giorno della Memoria, leggiamo in classe le Disposizioni razziali alla Scuola che ordinavano l’espulsione immediata di tutti  i bambini e gli insegnanti Ebrei, e insieme alle bambine ed i bambini riflettiamo sull’assurdità di quella situazione.
    Ipotizziamo i nostri stati d’animo se queste leggi abominevoli dovessero entrare in vigore oggi e per noi
    Non ci fermiamo però “soltanto” alla discriminante ebraica o  per luna appartenenza etnica particolare
    o per un credo… 
    Così scegliamo una categoria a caso: quelli non nati ad Asti, oppure tutti quelli il cui cognome contiene la lettera R, perchè il razzismo non ha MAI ragione di essere, è sempre una assurda porcata, non esistono “categorie” che meritino oggettivamente di essere discriminate, quindi non aveva ragion d’essere contro un ebreo ieri, ma rimane una assurda porcata se  attuato contro un Rom o un albanese, o un omosessuale o un Musulmano o un Palestinese oggi! 
    Questa mattina quindi è arrivata  “la”  lettera dal Ministero (lettera  che  ho inviato anche in un sacco di scuole in tutta Italia) che copiava il testo delle Disposizioni Fasciste alla Scuola del 1938.
    Una lettera fasulla perchè  alla parola ebreo, ho sostituito individuo la cui nascita, o quella dei genitori, non sia avvenuta  sul territorio comunale cittadino.
    Questo allo scopo di  mostrare quanto aleatoria imprevedibile  ed idiota  sia la categoria DIVERSO…. da chi da  cosa, chi lo decide?
    L’idea di inviarne  molte copie a diverse scuole , mi è nata da uno stimolo  offertomi da uno dei bambini di quarta elementare ai quali insegno, o meglio che affianco nel loro processo di auto-formazione e di presa di coscienza del mondo in cui tutti viviamo. “Maestro– mi chiede Alberto, quando era ancora in quarta elementare- ma tu cosa avresti fatto se avessi ricevuto la lettera che ordinava  la mia deportazione?
    Accidenti è facile– penso, essere eroici in tempo di pace.
    Ecco allora l’idea di questa lettera onestamente fasulla, per stimolare la riflessione tra noi adulti, oltre che per proporre un attività con i bambini,

    Nessuna paura in classe, oggi, qualche forte titubanza sul fatto che, se sei nato  a Cuneo torni a scuola a Cuneo con la tua famiglia, se la mamma  è nata a Siracusa o Tirana… idem…
    Un dramma ieri, voluto da criminali, e permesso e tollerato da cittadini disattenti, paurosi, razzisti.
    Ma Lorenzo  (8 anni) ha avuto coraggio per tutti.
    Mentre tutti si alineavano, un po’ incerti, e non del tutto convinti che, cambiare scuola e perdere i compagni, disperdendosi un po’ qua un po’ la in Italia ed in Europa, fosse una bella trovata…Prima ancora  che  potessi dichiarare che stavamo simulando -depurati dalla parte più drammatica-  i meccanismi della segregazione e della deportazione che avrebbe poi condotto allo sterminio di milioni di innocenti, (erano passati 3 minuti dall’inizio), Lorenzo, “arianissimo”, uno dei risparmiati salta  sù e grida  “ma  è razzismo questa è una porcheria” e PRENDE IL FOGLIO DELLA CIRCOLARE E LO STRAPPA IN MILLE PEZZI!
    Eleonora più timida ma ancor più risoluta , mi viene all’orecchio e dice… secondo me  bisognerebbe dire che è una s****zata !
    Bravi!
    Disobbedienza civile!

     
    Non tutto ciò che  è legale è giusto, non sempre disobbedire è sbagliato!
    Se in tanti,  nella scuola e tra la cittadinanza  ci avessero provato, allora , si sarebbero evitati Olocausto e guerra Mondiale.
    Se in tanti prenderemo spunto dalla risoluta reazione di Lorenzo ad ogni nuovo seme di razzismo  e segregazione, allora la storia ci avrà insegnato qualcosa

    Oggi e domani, sta a noi opporci ad ogni forma di segregazione, discriminazione etnica, religiosa…perchè , meditiamo, tutto questo è stato, grazie anche al silenzio dei tiepidi.

    Altrimenti, parafrasando Guccini, se  non saremo ciascuno ad opporci interpretando caparbiamente il coraggio e la disarmante intransigenza di Lorenzo, … “chi di noi Kapò, chi vittima sarà , in un lagher?”

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...